Due nuove zuppe per affrontare il freddo | Fior di Loto

Due nuove zuppe per affrontare il freddo

Zuppa 3 Colori e Zuppa Giramondo: due mix di legumi e pseudo-cerali senza glutine, ricchi di fibre e pronti in meno di mezz'ora.

Zuppe fior di loto veloci bio senza glutine giramondo 3 colori

09 Gennaio 2018

Vegan

Vegan

Vegetariano

Vegetariano

Senza glutine

Senza glutine

09 Gennaio 2018

Vegan Vegetariano Senza glutine

Confort food per eccellenza, la zuppa è il rimedio ideale per scaldare le fredde e umide giornate autunnali e invernali. Noi ne andiamo ghiotti, ma i tempi di ammollo dei legumi e quelli di cottura di cereali e pseudo-cereali in chicchi sono un ostacolo spesso insormontabile per chi ha poco tempo per portare a tavola un pasto goloso e completo ai suoi affamati commensali. Scommettiamo che anche tu ti sia trovato ad affrontare lo stesso dilemma. Abbiamo indovinato? Proprio dall’esigenza di soddisfare il desiderio di preparare una ricca e fumante minestra in meno di mezz'ora, sono nati i nostri nuovi mix senza glutine, ricchi di fibre e veloci da preparare. Miglio e piselli decorticati e quinoa rossa sono i protagonisti dell'allegra Zuppa 3 Colori, mentre la Zuppa Giramondo è a base di sorgo e ceci decorticati, quinoa nera e fagioli verdi mung .

Conosci tutti gli ingredienti dei nostri nuovi mix? Se hai voglia di approfondire, ecco qualche informazione in più.

MIGLIO

Il miglio (Panicum miliaceum) è un'erba annua della famiglia delle Graminacee, appartenente al gruppo dei cereali. È originario dell’India, ma è stato coltivato in varie regioni subtropicali fin da tempi preistorici. Ha ancora oggi una grande importanza nell’alimentazione di alcuni paesi africani e asiatici, benché sia stato soppiantato dal mais e dal riso. Si coltiva largamente in molte regioni calde dell'Europa, nella Russia meridionale e nella Romania. È naturalmente privo di glutine; proprio per questa sua caratteristica da qualche anno sta riscoprendo nuova luce.

PISELLI

Il Pisum Sativum è una pianta annuale della famiglia Leguminose-Papilion, probabilmente di origine asiatica, territorio in cui è stata coltivata per la prima volta. In Europa se ne trovano delle tracce nell'ultimo periodo dell'Epoca della pietra nell'Età del bronzo e nei periodi successivi. In epoca classica erano conosciute e coltivate alcune varietà, come dimostrano i ritrovamenti dei semi a Pompei e le notizie forniteci da alcuni autori. I piselli si possono distinguere in due classi: quelli da sgranare, dei quali si mangia solo il seme, e le taccole, di cui si mangia l'intero bacello quando il seme è appena formato.

QUINOA

La quinoa (Chenopodium quinoa) viene spesso definita erroneamente "cereale", in realtà è una pianta erbacea della stessa famiglia degli spinaci e della barbabietola. È originaria del Sud America, dove viene coltivata da oltre 5000 anni sugli altipiani pietrosi delle Ande a 4000 metri sul livello del mare, veniva chiamata dagli Inca “chisiya mama” (madre di tutti i semi). Naturalmente priva di glutine, viene coltivata per le foglie farinose commestibili e per i semi, consumati cotti o tostati o ridotti a farina. La quinoa è stata selezionata dalla Nasa per l'alimentazione degli astronauti in missione.

SORGO

Il sorgo è un genere di Graminacee che comprende alcune decine di specie originarie dell'Africa, dell’Asia e del Mediterraneo, ma oggi ampiamente diffuse anche altrove. È una pianta annuale o perenne, tra le prime a essere coltivate dall'uomo, grazie alla capacità di resistere alla siccità. È naturalmente senza glutine. È considerato il quinto cereale per importanza nell'economia mondiale dopo mais, riso, frumento e orzo. Nei paesi in via di sviluppo viene coltivato per la produzione di granella da destinare all’alimentazione umana, nei paesi industrializzati, invece, trova impiego soprattutto nella realizzazione di mangimi per animali.

CECI

Cece è il nome comune dell’erba annua Cicer arietinum e del suo seme. Questa pianta fa parte delle Leguminose papiglionacee e probabilmente deriva da qualche specie dell’Asia minore, dove ci sono diverse specie spontanee del genere Cicer. Si coltiva da tempi antichissimi, soprattutto in Grecia. In Italia oggi viene coltivata soprattutto nelle regioni del sud e nelle isole. La produzione annua si aggira intorno ai 300.000 quintali. È una pianta resistente alla siccità e di grande produzione; i suoi semi, indigesti crudi, si mangiano bolliti.

FAGIOLI VERDI MUNG

La soia verde (Vigna radiata), conosciuta anche come azuki verdi o fagioli mung, è una pianta della famiglia dei fagioli originaria dell’India, dove se ne trovano tracce già in epoche remote. Coltivata a lungo in Asia ed Europa, fu poi sostituita in occidente dai più comuni fagioli. Oggi è diffusa in tutta la fascia tropicale, dal livello del mare fino a 1850 metri d'altitudine nelle regioni himalayane del nord-ovest. L'aspetto è molto simile al fagiolo e molto diverso dalla soia.

Condivi la tua opinione. Per noi è importante!

Parliamo di...


Scopri di più sui nostri prodotti.

Tag Cloud

Iscriviti alla newsletter