Come si legge l'etichetta? | Fior di Loto

Come si legge l'etichetta?

Breve guida alla lettura delle etichette dei nostri prodotti alimentari.

leggere l'etichetta degli alimenti

16 Maggio 2017

16 Maggio 2017

Sei un consumatore consapevole? Essere in grado di leggere in maniera corretta le etichette dei prodotti alimentari rappresenta un atto di responsabilità. L'etichetta, infatti, è una vera e propria carta d'identità dell'alimento: riporta informazioni sui valori nutrizionali del prodotto e aiuta a comprendere come diverse tipologie di alimenti possano essere combinati per seguire una dieta corretta ed equilibrata. Abbiamo redatto questa semplice guida per aiutarti a capire in maniera chiara e trasparente le informazioni riportate in etichetta. Per farlo abbiamo scelto un modello d'eccezione: il nostro Pesto alla genovese bio

 

Etichetta Fior di Loto

 

  1. Denominazione dell’alimento: è la sua denominazione legale. In mancanza di questa, la denominazione dell’alimento è la sua denominazione usuale; ove non esista o non sia utilizzata viene fornita una denominazione descrittiva.

  2. Elenco degli ingredienti: L’elenco comprende tutti gli ingredienti dell’alimento, in ordine decrescente di peso, così come registrati al momento del loro uso nella fabbricazione dello stesso. Per i prodotti biologici è possibile indicare abbreviazioni quali “bio” ed “eco” o “*ingrediente biologico”.

  3. Logo bio: il logo Biologico UE è stato introdotto dal regolamento della Commissione UE 271/2010. Il suo utilizzo è regolamentato dall’articolo 57 del regolamento della Commissione CE 889/2008. Riporta i codici identificativi, rilasciati dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali (MiPAAF), all’ente di certifi cazione biologico (014), all’operatore controllato (7053) e il luogo in cui sono state coltivate le materie prime agricole di cui il prodotto è composto (Agricoltura UE) nel caso dell’esempio riportato.

  4. Peso netto: la quantità netta di un alimento è espressa utilizzando, a seconda dei casi, il litro, il centilitro, il millilitro, il chilogrammo o il grammo; in unità di volume per i prodotti liquidi e in unità di massa per gli altri prodotti. Il simbolo “e” dove inserito dopo l’indicazione della quantità sull’etichetta di un prodotto indica che il produttore adempie a quanto stabilito nella legge n. 690/78 per gli “imballaggi preconfezionati C.E.E.”.

  5. Nome Prodotto: denominazione commerciale del prodotto.

  6. Bio: sostituisce la dicitura “da agricoltura biologica”.

  7. Foto prodotto: l’immagine ha il solo scopo di illustrare il prodotto.

  8. Caratteristiche del prodotto

  9. Luogo di produzione e/o confezionamento e il nome o la ragione sociale e l’indirizzodell’operatore del settore alimentare responsabile delle informazioni sugli alimenti. (Il Fior di Loto nel caso dell’esempio riportato).

  10. Condizioni di conservazione: le condizioni particolari di conservazione e/o le condizioni d’impiego.

  11. Termine minimo di conservazione o data di scadenza del prodotto. Il lotto è obbligatorio solo se il TMC non riporta il gg/mm/aa.

  12. Dichiarazioni nutrizionali per 100g o 100ml

Condivi la tua opinione. Per noi è importante!

Tag Cloud

Iscriviti alla newsletter